Boogie Woogie

Il Boogie Woogie è uno stile musicale blues per pianoforte diventato molto popolare negli anni '30 e '40. La locuzione inglese boogie woogie non ha una traduzione univoca. Sul suo significato si discute ancora. Forse è un soprannome ricorrente negli ambienti neri di Chicago nei primi decenni del 1900. Forse è semplicemente un suono onomatopeico che fa riferimento a qualche strumento di accompagnamento che nei primissimi albori scandiva il ritmo di questa musica, in assenza di pianoforte.

Qualche studioso ha ipotizzato come traduzione danza oscena: boogie è un termine dialettale del sud degli USA che significa osceno; woogie è un ballo tipico della popolazione nera di Anniston (Alabama). All’inizio del 1900 i pianisti neri hanno cominciato a sviluppare una forma più veloce e ritmata del blues.
Lo scopo era d’intrattenere la gente nei bar dove, alla sera, ci si divertiva e si ballava.
Questi locali si trovavano negli accampamenti dei lavoratori ad esempio nei pressi dei cantieri delle linee ferroviarie. Spesso persino sui treni c’era un pianista.

A quei tempi questo nuovo tipo di musica fu designata con svariati nomi: fast blues, rolling blues ecc. fino alla famosa registrazione "Pinetop's Boogie Woogie", in questa composizione, che risale al 1928 Clarence Smith spiegava come ballarlo.
Il boogie woogie tuttora cattura e strega per la sua carica vitale, sfrenata, spesso sfacciata ma assolutamente irresistibile. Può essere ballato su tempi lenti e veloci ed è perfetto per tutte le età e per tutti i livelli di allenamento fisico.
Il passo base viene eseguito su 6 conti musicali cioè 6 battiti.

NEWS ED EVENTI

10/08/2017 Summer Swing LAB
Largo Brugnatelli, 7
20090 Buccinasco (MI)
Tel. 339 4765065 - 338 4317374
P. Iva 03040800967  
© Tutti i diritti sono riservati

Privacy